Attualità e Viaggi

Mangapillole: Tre sfumature di oscurità

Tre proposte di fumetti direttamente dagli stand del Cartoomics
di Elena Bracchi \ 19-03-2018 \ visite: 517
Proposte Fumetti Cartoomics

Ognuno di noi è una luna: ha un lato oscuro che non mostra mai a nessuno.
Rubo le parole di Mark Twain per descrivere il filo conduttore delle nuove proposte a fumetti della rubrica, nonché miei recenti acquisti al Cartoomics, la fiera del fumetto di Rho Fiera Milano.
Oscurità: l'assenza di luce, emblema del male e del peccato che da sempre ispira arte e letteratura. “Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura...” recitava il buon Dante all'inizio di un lungo peregrinare che lo porta a varcare i regni di Inferno, Purgatorio e Paradiso e a svelare a noi avidi lettori i segreti delle anime incontrate.
Vestita di rossa libidine o di superbia, di sangue e vendetta, di tradimento e menzogna, di amore e passione, l'oscurità è un demone insito nella natura umana. E proprio perché celata, perché è quella macchia torbida che spesso è la parte più vera del nostro io, ci ammalia ben più di un mondo retto ed innocente.
L'inconscio desiderio di incontrare il demone della nostra fiaba preferita, la crudeltà di una natura sofferente ed arrabbiata, il vuoto delle perdita: tre sono le sfumature di oscurità che mi hanno conquistata e che spero possano affascinare anche voi.
 
Brand Röd -Red Flames-
C'era un tempo un bambino senza nome, rosse come le fiamme erano le sue chiome. Ma un giorno da una fata fu ingannato e dalla sua gente condannato. Quel bambino così decise che mai più avrebbe amato e dove il suo cuore si divise con la vendetta fu colmato.
Incipit fiabesco per il primo progetto a fumetti di Georgette, un webcomic a tematiche yaoi (boy's love) di cui è in prossima pubblicazione il secondo volume.
Brand Röd è un demone della vendetta che spinge gli uomini a mostrare la parte più oscura di sé per poi cibarsi delle loro anime. Elis è un normalissimo studente dell'università di Belle Arti, il suo idolo dell'infanzia è niente meno che Brand Röd, omonimo protagonista della sua fiaba preferita, ma di vendetta non ne vuole proprio sapere niente. Il caso giocherà a loro (s)favore, portando Elis e Brand Röd a stringere un contratto. Cosa nascerà da questa bizzarra situazione?
L'oscurità nella forma di un demone affascinante, l'innocenza nelle vesti di un ragazzo comune: il perfetto connubio per una storia che apre le porte della fantasia.
 
Piccole Ballate Crudeli
Marga Biazzi, in arte BlackBanshee, presenta una piccola raccolta di ballate, otto brevi e fugaci momenti della vita di creature fatate. Figli della natura che vivono oltre il velo della realtà, pronti a vendicarsi della crudele supponenza umana che rade al suolo tutto ciò che di bello la natura offre.
Il tratto delicato, mescolato ad una palette di colori visivamente appaganti, esalta il crudele fascino con il quale la natura conquista la sua rivincita verso l'uomo abietto, esponente di una società che nulla crea se non sfruttamento e distruzione.
La raccolta assume quasi la definizione di operetta morale, ma ben più che condannare la società nella quale noi stessi viviamo, invita ad un'importante ed attuale riflessione: la natura che ci circonda, e ci ha permesso di costruire le nostre case, soffre immensamente.
 
Nottetempo
Alberto ha trascorso la vita a comporre musica e ad amare immensamente la sua bella musa Giulia. Dopo la morte di quest'ultima, Alberto viene inghiottito da un vuoto che si trasforma in un viaggio onirico all'interno della sua mente distrutta dal dolore. Ed è proprio qui che, spinto inconsciamente dal bisogno di riprendere a suonare, Alberto si ritrova a vagare tra stanze di musei vuoti, cieli lividi, buie foreste spettrali, sempre accompagnato dai fantasmi dell'arte e della moglie.
Lo smarrimento di sé è il fulcro centrale dell'opera di Luca Russo, una graphic novel che ammalia per la forza narrante del colore. Il racconto prende vita grazie a dense pennellate che tramutano le immagini in dipinti così vividi da far precipitare il lettore nel turbamento di Alberto. La cupezza del colore arriva al cuore, le parole si tramutano in un mesto accompagnamento musicale.
Nel ripetersi di questi blu, viola, grigio e nero, fino alla fine al lettore viene lasciata un'unica incognita: giungerà una pennellata luminosa a squarciare questo plumbeo cielo?

    Condividi questa pagina:

Altri articoli in Attualità e Viaggi