Arte e Letteratura

Un'immersione artistica negli stati d'animo

La conferenza di presentazione della nuova mostra in arrivo a Ferrara
di Giulia Masoli \ 02-03-2018 \ visite: 647
conferenza presentazione mostra stati d'animo

Si è svolta ieri, presso il Salone d’Onore della Pinacoteca Nazionale di Ferrara, la conferenza di presentazione della mostra “Stati d’animo: arte e psiche tra Previati e Boccioni”, in arrivo presso il Palazzo dei Diamanti dal 3 marzo 2018.
La conferenza, aperta dal vicesindaco Massimo Maisto, il quale ha sottolineato l’importanza del mantenere sempre attiva la vita culturale della città in modo da renderla appetibile non solo ai cittadini ma anche ai turisti, ha visto la partecipazione di coloro che, grazie ad un grande lavoro collettivo, hanno reso possibile la creazione della mostra. In ordine di parola: Maria Luisa Pacelli, direttrice di Ferrara arte, Maria Grazia Messina, Fernando Mazzocca e Chiara Vorrasi. Un team fatto di esperti del mondo dell’arte che, unendo le loro passioni e il loro desiderio di ricerca, hanno dato vita, non senza sforzi nella ricerca delle opere, alla mostra che dal 3 marzo al 10 giugno occuperà le stanze del Palazzo.

Un allestimento che nasce dalla consapevolezza e dalla determinazione di voler far conoscere meglio Gaetano Previati, ferrarese di nascita, autore poco conosciuto ma fondamentale nel creare un ponte tra l’eredità dell’Ottocento e le avanguardie artistiche del nuovo secolo. Il periodo preso in esame, infatti, è quello che vede l’arte italiana di fine Ottocento addentrarsi per la prima volta nei terreni inesplorati della psiche e dello spirito. Un momento decisivo per l’arrivo della modernità che vede arte e scienza impegnate in indagini profonde dell’esperienza umana. Gli artisti esposti, che vanno da Segantini, Previati, Giuseppe Pellizza da Volpedo appartenenti al filone del simbolismo e del divisionismo, fino a Balla, Carrà e Boccioni, protagonisti dell’avanguardia futurista, si sono impegnati nel trovare un modo nuovo per rappresentare gli stati d’animo attraverso il mezzo artistico.

Un percorso che porta lo spettatore, attraverso le varie sezioni della mostra (malinconia, passione, armonia, allucinazione, calma, empatia, estasi, gioia, vitalità) a tuffarsi nei sentimenti così come sono stati interpretati dagli artisti, non senza riferimenti scientifici e letterari dell’epoca, come a Edgar Allan Poe, tanto per citarne uno. Un modo, diverso ma affascinante, per immergersi nella profondità umana vi aspetta.


Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni
Ferrara, Palazzo dei Diamanti
3 marzo - 10 giugno 2018


 
 
 
 
 
 
 

    Condividi questa pagina:

Altri articoli in Arte e Letteratura