Cultura e Spettacoli

Lo show dei Nerd

I personaggi della prima edizione del Nerd Show Bologna
di Elena Bracchi \ 19-02-2018 \ visite: 1070
Nerd Show Bologna
Aria un po' trasandata, occhiaie, occhialoni spessi, un vocabolario pieno di parole strane da router a flusso di byte bidirezionale. Facendo un bel tuffo nel passato, è questo l'immaginario che si ha del classico nerd, lo smanettone di computer che sicuramente avrete incontrato almeno una volta nella vita -come quando lo schermo del pc era diventato blu e vi siete dovuti rivolgere al tecnico di fiducia.
Non che al giorno d'oggi le cose siano cambiate di molto, ma se pensiamo a quanto la tecnologia ci abbia cambiato la vita e come sia diventata parte integrante del nostro quotidiano, si potrebbe quasi dire che è nato un piccolo nerd in ognuno di noi.
A ben pensarci, ormai con nerd non s'intende più solo l'appassionato di informatica, ma anche il gamer, il collezionista di fumetti, il disegnatore e tantissime figure un po' di nicchia che negli ultimi anni hanno visto crescere sempre più eventi a loro dedicati.
Ecco come si presenta la prima edizione del Nerd Show Bologna: non la classica fiera del fumetto, bensì un evento dedicato a tutti coloro che un po' nerd si sentono. Ed è un attimo tornare bambini grazie alle action figures di Mazinga o alle elaborate costruzioni in mattoncini Lego, per non parlare del retrogaming o dell’Arcade Games dove le vecchie console di gioco ti fanno fare un bel tuffo nei ricordi di estati spese a saltellare con Super Mario o a combattere in Tekken.
E per gli amanti di fumetti, non manca una Artist Alley degna di nota, da artisti a tutto tondo come Francesco Barbieri o Donald Soffritti alle giovani leve come Loputyn e Samuel Spano.
Ma il Nerd Show Bologna è stato soprattutto palcoscenico di personaggi che tra televisione e Web sono diventate delle star. Un assaggio? “Questo è Art Attack!Giovanni Muciaccia è un po' l'infanzia di chi come me, al ritorno da scuola, guardava Art Attack e si chiedeva perché i disegni non venissero mai bene come quelli in televisione. Talento, quello sconosciuto! Dote che invece non manca ad un altro dei grandi protagonisti del Nerd Show, Kim Jung Gi, un artista coreano le cui opere hanno attirato l'attenzione a livello internazionale negli ultimi anni. La sua abilità sta nel visualizzare il disegno prima ancora di tracciare la prima linea, non ha bisogno di riferimenti né di schizzi preparatori ed il risultato finale sorprende per la cura di dettagli, l'angolo di prospettiva e la grande conoscenza di anatomia umana ed animale. Vederlo esibirsi in un “Drawing Show”, dove disegna dal vivo di fronte al pubblico, è assolutamente una gioia per gli occhi!

kim jung gi
 
E mentre la Chocobo Band si esibisce con nostalgia nelle più belle canzoni di Final Fantasy, sul palcoscenico arriva chi veramente porta con onore la definizione di nerd: Salvatore Aranzulla.
Se andate su Google e cercate “Come creare una pagina su Facebook”, tra le prime posizioni sarà più facile trovare proprio uno dei suoi tutorial e un po' più giù le istruzioni di Facebook. Pazzesco, vero? Il suo Blog, aranzulla.it, è un vero e proprio punto di riferimento fra i dummies della tecnologia. Fornisce risposte chiare e puntuali a qualsiasi quesito informatico, dal più semplice al più complesso, che riguardi computer o smartphone. Una vera e propria enciclopedia di soluzioni che  vanta 10 milioni di lettori al giorno e 20 milioni di visualizzazioni per pagina.
Durante l'intervista, Salvatore si racconta. Nato in un piccolo paese della Sicilia, fin da piccolo dimostra una curiosità particolare, infatti preferisce smontare i giochi e capire come sono fatti  piuttosto che usarli al loro scopo. All'età di dieci anni ottiene il suo primo computer, inizia ad usare i programmi e, come tutti noi, incontra problemi e cerca soluzioni. Quando i suoi stessi amici hanno problemi informatici, Salvatore li studia e risolve, scrivendo poi le soluzioni su Word e stampandole per loro. Questo è solo l'inizio del suo percorso, la sua passione è tale da portarlo ad informarsi sempre di più e a scoprire, all'età di 14 anni, una falla nella sicurezza informatica di Google. Dalle sue prime guide è nato poi aranzulla.it, gestito dallo stesso Aranzulla e i suoi collaboratori, che ogni giorno testano nuovi prodotti e servizi per continuare a fornire guide per i propri lettori.
“Qualche mese fa un signore mi ha scritto per ringraziarmi perché grazie alle mie guide è riuscito a connettersi con i suoi nipoti che vivono lontani!” Racconta Salvatore, a dimostrazione del fatto che una guida scritta in modo chiaro e semplice è di aiuto a tutti, anche ai meno avvezzi alla tecnologia.
Alcuni si mostrano scettici sul suo genio, altri lo osannano. Io, lo ammetto, ero un po' emozionata all'idea di vederlo dal vivo perché dalle sue guide ho imparato più informatica che a scuola!
 
“Giorgio, Giorgio!”
Aranzulla non fa in tempo ad uscire di scena che la folla alle mie spalle grida il nome del nuovo, attesissimo ospite, Giorgio Vanni. Per chi non lo conosce, da anni canta le canzoni dei cartoni animati del calibro di Dragon Ball, i Cavalieri dello Zodiaco e Gundam Wing.
Il Nerd Show esplode quando finalmente si palesa sul palco, sprizzando energia da ogni poro con quella sua aria da eterno Peter Pan... e via a ballare e a cantare a squarciagola una delle evergreen delle sigle animate, Tiger Man!
Ah, la conosci? Visto?! Allora sei un po' nerd anche tu!

    Condividi questa pagina:

Altri articoli in Cultura e Spettacoli