Arte e Letteratura

Graphic News, informazione illustrata pensata per il web

Cronaca, infografica e reportage a fumetti per il progetto sperimentale avviato a Bologna
di Licia Vignotto \ 01-07-2015 \ visite: 1655

Che la fruizione di contenuti web abbia cambiato le abitudini di lettura di tutti - o quasi - è risaputo. L’informazione ha dovuto mettersi al passo con le possibilità offerte dalle nuove tecnologie, e sebbene sulla sostenibilità economica di questa operazione permangano molte perplessità, è innegabile il fatto il tradizionale giornale cartaceo stia tentando nuove forme di diffusione. Quotidiani, settimanali e mensili nell’ultimo decennio hanno sperimentato, con più o meno successo, il salto dall’edicola tradizionale all’edicola virtuale. Il mondo del fumetto è riuscito a stare al passo? Forse non ci ha ancora provato, per lo meno non in Italia. 

Questo è uno degli assunti alla base di Grapich News, sito aperto da appena tre mesi dai ragazzi della cooperativa Pequod, che si propone non solo il difficile compito di fare informazione attraverso la grafica, il fumetto e l’illustrazione, ma anche di sperimentare per questo tipo di contenuti una trasposizione online che non sia semplicemente la riproduzione fedele della pagina stampata. 
Per conoscere meglio questo particolare progetto editoriale e imprenditoriale, Occhiaperti.net ha partecipato lunedì 29 giugno a Bologna alla presentazione organizzata presso Villa Lipparini da Play Zoo. Qui i giovanissimi ideatori e autori di Graphic News hanno raccontato in pillole l’esperienza avviata a fine marzo. 
 
«Ogni settimana pubblichiamo una storia, l’argomento lo decidiamo assieme agli autori – ha spiegato Pietro Scarnera -. Cerchiamo argomenti interessanti ma che siano anche belli da raccontare. Il taglio che cerchiamo è quello del giornalismo d’inchiesta, del reportage a fumetti. Le storie vengono costruite per essere letto online, tramite computer, smartphone o tablet. Stiamo sperimentando molto da questo punto di vista, ogni tanto quasi sconfiniamo nell’animazione, altre volte invece proponiamo una specie di infografica illustrata, come nel caso di “Expo for Dummies”. Serviva a raccontare in modo immediato, esteticamente leggero e piacevole, da dove nasce Expo, cosa si sta realizzando a Milano e come mai ci sono state così tante polemiche. L’abbiamo pubblicata il giorno dell’inaugurazione della manifestazione ed è stata una delle nostre storie più lette, vale da questo punto di vista quello che vale per tutti i giornali: saper arrivare con l’argomento giusto al momento giusto. Per noi non è facilissimo perché disegnare richiede tempo, ma ci stiamo provando, a muoverci sempre più in direzione della cronaca. Oggi ad esempio abbiamo pubblicato una storia dedicata a quello che sta succedendo in questi giorni in Grecia».
Spazio dunque all'attualità, ma non mancano approfondimenti dedicati al mondo della cultura, come ad esempio le sintesi illustrate dei maggiori film italiani proposti a Cannes, "Les italiens", a metà strada tra la recensione e l'interpretazione.
 
Uno dei lavori di Graphic News – “Io non sono di sinistra”, intervista a fumetti a Maurizio Landini - è già stato richiesto e pubblicato da Internazionale; “Povere veneri”, reportage sulla prostituzione a Bologna, è stato adattato per Left. «Ci piacerebbe col tempo diventare una vera e propria agenzia di comunicazione specializzata – ha proseguito Michele Barbolini -, creare contenuti non solo per il nostro sito ma per chiunque volesse provare a diffondere delle informazioni in modo nuovo. Attualmente il progetto è curato dalla cooperativa che abbiamo aperto grazie al bando Culturability, promosso dalla fondazione Unipolis. Il finanziamento ottenuto ci ha permesso di avviare l’attività e per ora riusciamo a mantenerci senza sponsor o inserzioni pubblicitarie. Il sogno sarebbe poter continuare ad andare avanti così, vedremmo se e fino a quando sarà possibile».
 

    Condividi questa pagina:

Altri articoli in Arte e Letteratura