Attualità e Viaggi

Spal: sospesa la campagna abbonamenti

La società alle prese con il mercato e le problematiche del Mazza
di Giuseppe Lenoci \ 09-07-2019 \ visite: 355
Foto dello stadio Paolo Mazza

È di ieri la notizia relativa al sequestro della Guardia di Finanza di alcuni settori del "Paolo Mazza", lo stadio della Spal, dovuto ad incongruenze per i lavoro eseguiti circa 12 mesi fa. Rispetto alle notizie circolate in rete immediatamente dopo il sequestro, la società, parte lesa dell'accaduto così come lo stesso Comune di Ferrara, potrebbe avere difficoltà nel gestire le prime partite casalinghe. Ovviamente tutte le parti sono al lavoro per collaborare con le Forze dell'Ordine e chi di competenza per evitare dispiaceri innanzitutto ai tifosi, tanti, che hanno già sottoscritto l'abbonamento e alla squadra stessa.

Solo poche ore fa è stato pubblicato un comunicato ufficiale che recita:

La società S.P.A.L. srl ha deciso di sospendere momentaneamente “Mai Sola” – Campagna Abbonamenti biancazzurra 2019-2020.
Saranno comunicate in seguito le date di cambio posto e nuove sottoscrizioni.

 
Sul fronte mercato l'ufficialità dell'acquisto di Berisha ha sciolto i nodi legati al ruolo dell'estremo difensore: il secondo sarà Gomis. Per la difesa si cerca l'intesa con il Torino per Bonifazi: i granata chiedono però Fares in cambio. Per Lazzari sarà decisiva la giornata di oggi per l'ufficialità: percorso inverso per Murgia, per il quale la Lazio conserva un diritto di recompra. Antenucci e Costa sono parecchio vicini al Bari mentre per Petagna è forte l'interessamento della Fiorentina: possibile l'inserimento di Castrovilli per abbassare le pretese della società. Interesse per Babacar, che sembrerebbe fuori dai piani del Sassuolo. D'Alessandro è sempre più vicino con un prestito con obbligo di riscatto in caso di salvezza.

    Condividi questa pagina:

Altri articoli in Attualità e Viaggi